INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER L’IMPRESA: MACHINE LEARNING, DEEP LEARNING E TUTTO CIO CHE MAN…

INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER L’IMPRESA: MACHINE LEARNING, DEEP LEARNING E TUTTO CIO CHE MAN…
Introduzione La pia grande rivoluzione tecnologica che it mondo abbia mai visto
“Sapete che Pinter() concetto dell’intelligenza artificiale e binario? Capite l’ironia? linguaggio dei computer sta tutto in due valori. Uno e zero. Uno. Zero. Uno. Zero. All’infinito. Due valori che possono significare qualsiasi cosa. La summa della conoscenza umana, ridotta a un due. Uno e zero. Le due facce d’una stessa mo-neta. Due possibilita, che conducono ad un’infinita di possibilita.” – Batman: Knightfall
Secondo mold l’intelligenza artificiale a la piu grande rivoluzione tecnolo-gica che it mondo abbia mai visto. Come dice Andrew Ng, co-founder di Coursera e professore a Stanford, si tratta “della nuova elettricita”.
L’impatto che l’intelligenza artificiale sta avendo (e avra) nella nostra vita infatti molto simile a quello portato dallo sviluppo elettrico un centinaio di anni fa. Come le applicazioni business dell’elettricita hanno trasformato radical-mente settore dopo settore, dalla manifattura all’agricoltura, passando per la sanita fino ai trasporti e alle comunicazioni, cosi sta succedendo con l’ap-prendimento automatico e un’altra serie di tecnologie di intelligenza artifi-ciale. Una strabiliante rivoluzione.
In termini di business, il primo concetto da chiarire e che non siamo davanti a una singola tecnologia, bensi a svariate tecniche e algoritmi – ovvero una serie di istruzioni – che consentono di classificare, categorizzare dati e iden-tificare dei trend in maniera sempre piu accurata: piu dati raccogli, migliore sari il risultato!
Di queste tecniche e algoritmi si parla da decenni. Tuttavia, e solo alla fine
degli anni ’10 del nuovo secolo che essi sono giunti a maturita tale da diven-tare uno strumento concretamente attuabile. E non solo nelle grandi multi-nazionali ma anche nelle PMI. Il motivo a che it ventennio precedente, quello che ha visto la diffusione di Internet, a stata Peta dell’oro della raccolta dati. Dunque, per mold problemi oggi abbiamo a disposizione una mole immensa di dati, piu vasta che mai nella storia umana. Sono questa disponibilita di dati – e quella di macchine sempre piu performanti – che permettono di risol-vere problematiche impensabili anche solo fino a pochi anni fa.
Il problema e che in tanti parlano di intelligenza artificiale in termini corn-plessi e fumosi, dimenticandosi spesso delle soluzioni reali a problemi reali che questa disciplina sta portando ad imprese di tutto it mondo, di tutte le dimensioni e di tutti i settori. Per quanto la tecnologia e la scienza alla base di queste soluzioni possano sembrare complicate, l’applicazione pratica e it valore in termini di business sono estremamente intuitivi.
Da un lato abbiamo una raccolta di misurazioni riguardo a uno specifico pro-cesso, per esempio it controllo qualitativo di un prodotto finito, l’affluenza a un negozio giorno per giorno, le interazioni con un sito web o con il servizio clienti. Dall’altro lato c’e invece una metrica che vogliamo costantemente ottimiz-zare e dalla quale dipendono la crescita e le entrate dell’azienda. La metrica un obiettivo misurabile, che cambia a seconda del settore e della particolare struttura aziendale.
Alcuni obiettivi che le imprese si pongono di solito sono: ridurre la percentuale di prodotti difettosi ottimizzare la pianificazione del personale in base all’affluenza in negozio ottimizzare le conversioni di un sito web • ridurre al minimo i contatti con il servizio clienti mantenendo gli stessi standard qualitativi • ottenere suggerimenti azionabili per supportare le decisioni aziendali e predire i risultati futuri
2 min rimasti nel capitolo 3

La realtà per le PMI è però che queste competenze conviene cercarle sul mercato, piuttosto che creare complessi team interni assumendo data scientist e altre figure ad alta specializzazione. Da qualche anno a questa parte, già molte realtà del tessuto industriale italiano hanno iniziato ad affidarsi a società esterne come la nostra per sviluppare delle soluzioni specifiche. Da insider del mondo informatico confermiamo che c’è gran fermento, tant’è che moltissime società di sviluppo software che fino a un anno fa facevano tutt’altro, adesso hanno aggiunto tra i propri servizi anche IA, apprendimento automatico, apprendimento profondo, eccetera.

SMART AGENT – cosa sono?

Gli agenti intelligenti sono entità di vario tipo capaci di percepire l’ambiente circostante con l’utilizzo di sensori e di mettere in atto specifiche azioni per mezzo di attuatori. Nel caso dell’uomo i sensori possono

Contatto